martedì 2 ottobre 2007

4 giorni a scuola e 3 in famiglia....

La Francia riduce l'orario : In classe solo 4 giorni la settimana, studenti a casa il mercoledì e il sabato. E' l'effetto di un taglio di circa cento ore (da 958 a 864 l'anno) deciso dal governo per diminuire le distanze dalla media europea che è di 800 ore, mentre l'Italia è a quota 980. Quattro giorni in classe e tre in famiglia.La riduzione dell'orario delle elementari non sorprende i nostri presidi. «Rientra in una tendenza generale della scuola francese, che precede l'avvento di Sarkozy, verso l'essenzialità dei saperi e l'alleggerimento del tempo scuola — afferma Paolino Petrolino dell'Anp.
Una simile decisione, che comporta un taglio del 15 per cento dell'orario di lavoro frontale dei docenti, incontrerebbe da noi resistenze fortissime
Dubito che il ministero dell'Economia regalerebbe alla scuola tutte quelle risorse». Per il viceministro Angela Bastico dietro parole come essenzialità dei saperi e alleggerimento si nasconde in realtà un'offerta formativa più povera.

LEGGI L'ARTICOLO

2 commenti:

Luca Bertolla ha detto...

Ciao Franci.Ho sentito anch'io oggi la notizia alla radio.Sulle prime ero un po' perplesso, nel senso che condividevo il commento della Bastico sull'impoverimento dell'offerta culturale.Poi mi sono imbattuto nel ritaglio che hai postato qui e leggendolo ti dirò che ho considerato il tutto sotto una luce diversa.Non so, forse è vero che il nostro tempo scuola è esageratamente lungo e il rischio è quello di un appesantimento disciplinare che non giova ai nostri alunni;a mio avviso stiamo perdendo sempre più di vista l'importanza dell'"essenzialità"dei saperi,i veri nuclei fondanti di ciascuna materia...O forse è la società che se ne preoccupa sempre di meno e che preferisce proposte che implichino meno fatica possibile,e questo potrebbe rivelarsi il rovescio della medaglia.Io, alla Morin,ti dirò che preferisco teste ben fatte più che piene!Ciao,a presto.Luca

Anonimo ha detto...

Senz' altro condivido il parere di Luca.
Sarebbe anche un bel risparmio, in Italia, se riducendo l'orario scolastico si riuscisse a licenziare i tanti docenti impreparati e dannosi per la crescita dei ragazzi!